Gioco compulsivo: dalla Legge di Stabilià 50 milioni di euro l'anno al SSN per curarlo

Il provvedimento andrà alle attività di assistenza, cura e prevenzione per la dipendenza da gioco d'azzardo che oggi coinvolge casalinghe, pensionati e minorenni. E intanto da dicembre al SuperEnalotto si vincerà anche con il 2

Dipendenze Francesca Nanni — 22/10/2015

La cifra è di quelle importanti: 50 milioni di euro, circa 100 miliardi della vecchia lira. Saranno erogati annualmente dal Governo al Sistema Sanitario Nazionale, a partire dal 2015, per la cura delle patologie connesse alla dipendenza da gioco d’azzardo, la cosiddetta ‘ludopatia’. Il provvedimento è contenuto nell’articolo 14 della Legge di Stabilità 2015 (legge 23 dicembre 2014 n. 190) e dice: “Nell’ambito delle risorse destinate al finanziamento del SSN di cui all’articolo XX, comma 2, - si legge nel testo - a decorrere dall’anno 2015, una quota pari a 50 milioni di euro è attualmente destinata alla cura delle patologie connesse alla dipendenza da gioco d’azzardo. Alla ripartizione dell’importo si provvede annualmente all’atto dell’assegnazione delle risorse spettanti alle regioni e province a titolo di finanziamento della quota indistinta del fabbisogno standard regionale, secondo le modalità previste dalla legislazione vigente in materia di costi standard”.

Un sostegno economico importante nell’ambito di tutte quelle attività di assistenza, cura e prevenzione per quanti sono vittime di questa drammatica malattia che in Italia colpisce gravemente circa 800mila, mettendone a rischio tre milioni. Un fenomeno che il ministro della Salute Lorenzin ha definito un vero e proprio “allarme sanitario” che attualmente costa allo Stato 38 milioni di euro l’anno, che coinvolge indistintamente uomini, donne, con lavoro o senza, pensionati, minorenni e, negli ultimi mesi, anche i bambini iniziati anche solo per gioco da genitori o partenti magari con il vizietto del gratta e vinci. 

NELLA LEGGE DI STABILITÀ ANCHE UN OSSERVATORIO DI CONTRASTO AL FENOMENO. Era il 20 maggio scorso quando il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, firmava il decreto istitutivo del nuovo Osservatorio per il contrasto della diffusione del gioco d’azzardo e il fenomeno della dipendenza grave, previsto anch’esso nella Legge di Stabilità. Un organismo che opererà presso il ministero della Salute e non più presso il ministero dell’Economia e delle Finanze e composto, tra gli altri, da rappresentanti delle regioni e degli enti locali, nonché dalle associazioni operanti nel settore. Al nuovo Osservatorio sono affidati il compito di monitorare la dipendenza dal gioco d’azzardo, di definire linee di azione per garantire le prestazioni di prevenzione, cura e riabilitazione nonché valutare le misure più efficaci per contrastare la diffusione del fenomeno. “Dopo avere proposto l’inserimento della ludopatia tra le dipendenze che sono trattate dal Sistema sanitario nazionale nei servizi per le dipendenze – ha spiegato il ministro Lorenzin - rafforziamo le misure contro questo pericolosissimo fenomeno. Abbiamo tre milioni di italiani che rischiano di sviluppare una dipendenza dal gioco e questo dato ci consegna un allarme sanitario”.

EMERGENZA LUDOPATIA…MA DA DICEMBRE AL SUPERENALOTTO SI VINCERÀ ANCHE CON IL 2. Nonostante l’emergenza patologica del gioco compulsivo, il 21 settembre scorso il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, ha firmato un decreto con il quale, a partire da dicembre, al SuperEnalotto si potrà vincere anche con un due (come annunciato dall’Agenzia Giornalistica sul Mercato del Gioco AGIMEG, ndr). Una “trovata” per arginare il crollo delle giocate di una lotteria che in sette anni ha registrato un -75 per cento degli incassi, che prevede, però, anche l’aumento del costo delle singole colonne che passerà dall’attuale 0,50 centesimi ad 1 euro. Verrà quasi dimezzata, invece, la quota destinata all’Erario che passerà dall’attuale 50 per cento al 28 per cento. Un’operazione che in molti hanno definito “il frutto di una politica scellerata” che, così facendo attirerà un numero maggiore di giocatori con l’ipotesi di un mini premio e potrebbe agevolare la dipendenza da gioco, andando così ad ingrossare le fila dei malati di ludopatia.

I NUMERI DEL GIOCO COMPULSIVO. Secondo quanto riportato nella ricerca del Sistema Gioco Italia del dicembre 2014, sono 790mila i cittadini dipendenti dal gioco d'azzardo, mentre 1 milione e 750mila sono i giocatori a rischio patologia. A fare da eco a questi numeri è l’associazione dei consumatori Codacons secondo cui il 50 per cento dei disoccupati italiani presenta forme più o meno gravi di ludopatia, con il 17 per cento dei pensionati colpiti, il 25 per cento delle casalinghe e il 17 per cento dei giovanissimi. I ragazzi tra i 15 e i 18 anni aumentano con una media del 13 per cento all'anno. Sono 400mila i bambini tra i 7 e i 9 anni che risultano contagiati dalla dipendenza per il gioco. Quanto alle perdite economiche: in media l'85% dei giocatori perde 40 euro al giorno.

MACCHINETTE E GIOCATE PER MILIARDI DI EURO. In Italia ci sono circa 400mila slot machine, in media 1 ogni 150 abitanti nell'anno 2013 solo con le slot machine e le video-lotterie gli italiani hanno speso 47,5 miliardi di euro (il 56 per cento di quanto speso complessivamente nel gioco). Le vincite incassate sono state pari a 38,5 miliardi di euro e allo Stato sono finiti 4,3 miliardi di euro. Nel 2014 la raccolta complessiva parla di 45,6 miliardi di euro, con un gettito per l'erario pari a 4,1 miliardi di euro. Un'indagine della Guardia di Finanza nel maggio 2014, inoltre, ha riscontrato gravissime irregolarità, tra cui la presenza dei minori e giochi clandestini, in quasi tutte le sale scommesse. Su 2.266 esercizi ispezionati in tutta Italia, il 31 per cento è risultato fuori norma…vale a dire un centro su tre.

MATERIALI
- Testo integrale della Legge di Stabilità 2015, "Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato" (per il contrasto alla ludopatia si veda Art.14  pag.21)

- Testo integrale della Legge di Stabilità 2015 al link del Governo

- Legge di Stabilità in Gazzetta Ufficiale Legge 23 dicembre 2014, n. 190

- Testo integrale Patto della salute 2014-2016

- Mozioni riguardanti iniziative per il contrasto del gioco d'azzardo (Testi allegati all'ordine del giorno. Seduta n.390, Giovedì 12 marzo 2015)

- SuperEnalotto si vincerà anche con un due (fonte AIMEG)