'Cibolando', il paese della buona alimentazione lo trovi online!

Un progetto di educazione alimentare rivolto a studenti, famiglie e insegnanti; è questo l'obiettivo del portale ideato dalla Fondazione Italiana Accenture, che intende veicolare un messaggio salutare attraverso le tecnologie più utilizzate dai ragazzi.

Alimentazione Aura De Luca 26/04/2012

Obesità e sovrappeso sono patologie sempre più diffuse tra la popolazione giovanile italiana. Secondo dati recenti, un bambino su tre (tra i 6 e i 17 anni) è sovrappeso ed uno su quattro è obeso. Mostrare ai bambini e ai ragazzi le basi di una corretta alimentazione può divenire più facile sfruttando le tecnologie che i giovani utilizzano di più, come ad esempio Internet. I teenagers del Belpaese che navigano in Rete sono oltre quattro milioni, e rappresentano il 15,3 per cento dell'intera popolazione italiana di internauti.

Considerando questi dati, la Fondazione Italiana Accenture ha scelto di attivarsi in modo mirato per promuovere, tra i ragazzi delle scuole medie inferiori, la consapevolezza di una corretta educazione alimentare coniugata con la valorizzazione della grande ricchezza e varietà che mette a disposizione il patrimonio alimentare italiano. "Considerando questo scenario e il delicato momento di transizione dell’età adolescenziale - si legge nel comunicato stampa - la Fondazione Accenture in partnership con Philips ha promosso il progetto online di educazione alimentare intitolato 'Cibolando - Il paese della buona alimentazione', attualmente in fase di monitoraggio da parte del ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, rivolto ai ragazzi delle scuole secondarie di primo grado (11-14 anni).

'Cibolando' è il progetto vincitore del concorso 'Alimentarsi bene, Vivere meglio - educare alla ricchezza e varietà alimentare italiana', che ha coinvolto, attraverso la piattaforma interattiva ideaTRE60, ben 167 partecipanti, per un totale di 115 idee postate. "Il percorso di Cibolando - ha spiegato Bruno Ambrosini, Segretario Generale della Fondazione Italiana Accenture - è pensato per seguire parallelamente le attività del calendario scolastico ed ha l'ambizione di non costituire soltanto una piattaforma di e-learning, basata su attività ludiche fine a se stesse, bensì di dotare i ragazzi di informazioni, competenze e una sempre crescente consapevolezza nella gestione e valorizzazione del proprio fisico e nello stile di alimentazione che li accompagnerà per tutta la vita".



L'obiettivo, insomma, è promuovere l'importanza di una corretta educazione alimentare, diffondendo tra i giovani la conoscenza non solo del variegato patrimonio gastronomico italiano e dei suoi prodotti tipici, ma anche delle professioni legate ai settori dell'agroalimentare e del turismo enogastronomico.

'Cibolando' non è dedicato soltanto ai ragazzi, il sito è aperto anche a genitori e insegnanti ed è basato interamente sul gioco. "Attraverso percorsi ludico-didattici sia individuali sia di gruppo - si legge nel portale - , il progetto prevede due concorsi per le classi e un percorso di 20 racconti, uno per settimana, che avranno come scenario di volta in volta una diversa regione italiana. I giovani saranno così chiamati a partecipare in prima persona alle rocambolesche avventure dei due protagonisti dei racconti - l'abile cuoco di origine italiana Mr. Eat e il malvagio Fat God - avendo la possibilità di scegliere un Ciborg in cui identificarsi: più azioni si porteranno a termine durante i giochi più punti si accumuleranno e maggiore sarà la possibilità di vittoria finale".

La realizzazione del portale è stata affidata al team di CO.ME, uno studio creativo specializzato nel trovare soluzioni innovative nell'ambito dei nuovi media attraverso una filosofia progettuale fatta di logica, rigore e creatività. "La loro proposta - spiegano da Accenture - nella quale si combinano efficacemente elementi tecnologici con competenze psico-pedagogiche e nutrizionali, è orientata ad un approccio basato sulla creazione di consapevolezza. I racconti hanno preso il via due settimane fa dalla Sardegna, dove l'attenzione è ricaduta sulla figura del panettiere, che ha raccontato la vera ricetta per preparare il pane carasau, proseguendo poi in Sicilia e Isole Eolie con il mestiere del pescatore e una ricetta dedicata al pesce azzurro".

Questa settimana sarà la volta della Toscana, e i riflettori saranno puntati sul mestiere dell'olivicoltore e su un prodotto di eccellenza made in Italy: l'olio extravergine di oliva. I racconti si concentreranno quindi in successione sulle seguenti regioni e professioni:

-        Toscana - olivicoltore
-        Liguria - esperto di serre
-        Valle d’Aosta - allevatore di bovini
-        Lombardia - critico culinario
-        Piemonte - insegnante di analisi sensoriale
-        Veneto - produttore di confetture
-        Emilia Romagna - gastronomo ed esperto controllo qualità
-        Marche - gestore di agriturismo
-        Abruzzo - coltivatore diretto e wedding planner
-        Campania - cuoco-pizzaiolo
-        Lazio - nutrizionista
-        Umbria - casaro
-        Molise - pasticcere
-        Friuli Venezia Giulia - esperto assaggiatore
-        Trentino Alto Adige - frutticoltore
-        Calabria - norcino
-        Puglia - allevatore di mitili
-        Basilicata - barman


LINK
- Cibolando