Dalla malaria al rischio Hiv: dalla Simit consigli e profilassi per vacanze sicure all'estero

In vista dell'esodo estivo, la Società Italiana Malattie Infettive e Tropicali pubblica una lista di consigli e suggerimenti utili da seguire per quanti hanno deciso di recarsi verso mete estere esotiche. Ecco cosa fare per evitare malattie e infezioni

Cronaca Medicina e Salute Redazione/GP 27/07/2015

Italiani hai nastri di partenza per il primo grande esodo estivo. Un popolo di vacanzieri che, secondo le stime del Touring Club Italiano, nel 74 per cento dei casi sceglierà l’Italia per staccare la spina qualche giorno a fronte di un 18 per cento che sceglierà, invece, l’estero con mete prevalentemente esotiche.  Prima di partire per una vacanza, dunque, è bene informarsi bene su tutti i rischi che si possono incontrare, primo fra tutti le infezioni, rischio ancora molto sottovalutato. Così come una particolare attenzione è consigliabile per i viaggi in paesi della fascia tropicale e, in generale, a basso tenore igienico-sanitario. A mettere in guardia da questi rischi, proprio a ridosso delle prime partenze, è la Società Italiana Malattie Infettive e Tropicali (SIMIT), che ha messo a punto una lista di consigli e suggerimenti utili da seguire: dalla diarrea del viaggiatore che continua ad essere il più frequente guastafeste alle malattie trasmesse da zanzare, come ‘dengue’ e ‘chikungunya’ e soprattutto alla malaria. Ecco nel dettaglio infezioni, malattie e le rispettive profilassi.

PRIMA DI PARTIRE… "Innanzitutto informarsi, perché in alcune aree possono esistere condizioni particolari o rischi specifici oltre a quelli, i più comuni, già citati e per i quali è meglio essere preparati. Se si va in una zona malarica fare comunque la profilassi, senza se e senza ma – spiega Massimo Galli, Professore Ordinario di Malattie Infettive all'Università di Milano –. Tutti coloro che partono per paesi tropicali o per paesi con condizioni igienico sanitarie precarie dovrebbero inoltre tener conto del proprio stato di salute, per valutare la sostenibilità di fatiche e di eventuali rischi”. Attenti anche allo stato vaccinale proprio (con, se necessario, un richiamo dell’antitetanica) e dei bambini al seguito, che è opportuno abbiano completato il calendario vaccinale previsto nell’infanzia. Attenzione ad una corretta idratazione e protezione individuale per evitare colpi di sole e di calore.

LA MALARIA NELL’AFRICA SUB-SAHARIANA, SUD-EST ASIATICO E AMERICA CENTRALE. Quando si viaggia nell'Africa sub-sahariana ed in alcune aree del Sud Est asiatico e dell’America Centrale e Meridionale è importante - spiega la SIMIT - sapere se la destinazione scelta sia o meno considerata malarica e potrebbe non essere sufficiente chiedere informazioni all'agente di viaggi e a chi vende servizi turistici. La malaria è trasmessa da zanzare del genere Anopheles: “Le specie africane sono particolarmente pericolose per la loro spiccata preferenza a nutrirsi di sangue umano, mentre le Anopheles di altre aree spesso pungono preferenzialmente altri animali, - ricorda Galli -. Informarsi bene sulla necessità della profilassi antimalarica è dunque molto importante”. “Il primo attacco malarico può essere molto grave e addirittura mortale, specie nel turista sprovveduto che non ha mai soggiornato in aree malariche”. “La profilassi, associata all’uso di repellenti per insetti e di zanzariere a protezione delle ore di sonno, è assolutamente necessaria, a dispetto delle voci disinformate e dei pareri fuorvianti di chi senza alcuna base scientifica, ne mette in dubbio l’opportunità’. Attenzione soprattutto alle aree in cui è presente Plasmodium falciparum, il ‘peggiore’ degli agenti malarici, responsabile della cosiddetta Terzana maligna.

‘CHIKUNGUNYA’ E ‘DENGUE’, ECCO LE ALTRE MALATTIE TRASMESSE DALLE ZANZARE. Il chikungunya ha recentemente ‘conquistato’ l’America centrale e si sta estendendo nelle aree tropicali del Sud America. Per quanto quasi mai mortale, questa malattia causa sintomi che si possono protrarre anche a lungo. Unica difesa i repellenti anti zanzare e ricordare che le zanzare che trasmettono l’infezione preferiscono pungere in pieno giorno. Questo vale anche per i vettori della Dengue, che sono gli stessi. È in generale opportuno informarsi se nella meta del proprio viaggio sono state segnalate epidemie di ‘Chikungunya’ o di ‘Dengue’. La vaccinazione contro la febbre gialla, che è richiesta per alcuni paesi, non significa che negli stessi sussista un vero rischio di contrarre questa malattia. Si tratta, come per Chikungunya e Dengue, di una malattia virale trasmessa da zanzare dello stesso genere, molto diffuse nei paesi tropicali. Nella maggioranza dei casi la vaccinazione viene imposta per evitare che il virus venga reintrodotto nei paesi che la chiedono.

LE 4 PRECAUZIONI CONTRO LA DIARREA DEL VIAGGIATORE. "Per quanto riguarda il cibo - spiega poi il professor Galli - quando le condizioni non sono ritenute sicure, quattro sono le indicazioni semplici ma efficaci: "lavalo, cuocilo, sbuccialo o altrimenti dimenticalo", aiutano a limitare il rischio di diarree infettive”. “Per le bevande, meglio limitarsi al contenuto di bottiglie sigillate ed evitare il ghiaccio, se non si è sicuri che sia stato prodotto con acqua ‘pulita’, perché conserva i microrganismi”. “A causare più frequentemente la diarrea del viaggiatore – prosegue l’esperto - sono ceppi particolari di Escherichia coli, un batterio che è ospite fisso del nostro intestino, ma presenta con una gran quantità di varianti. Alcune di queste risultano del tutto ‘nuove’ per il malcapitato viaggiatore e producono tossine contro le quali il viaggiatore non può mettere tempestivamente in campo difese che prevengano la diarrea”. “Problemi intestinali possono essere causati anche da altri microrganismi, le salmonelle, ad esempio, o la giardia”. Va ricordato che la terapia con antibiotici o con i cosiddetti disinfettanti intestinali è di regola dannosa e in ogni caso non va autosomministrata, ma assunta solo su indicazione medica dopo accertamento della causa della diarrea.

LE ACQUE DOLCI E IL RISCHIO DI ‘SCHISTOSOMIASI’. In gran parte dell'Africa Sub-sahariana e comunque anche nelle aree di Asia e Sud America dove è segnalata la ‘schistosomiasi’, non è consigliato fare il bagno in acque dolci. Le larve di schistosoma presenti nell’acqua si insinuano attraverso la cute, causando una seria malattia parassitaria. Attenzione, sempre in acque dolci, soprattutto se stagnanti, anche alla leptospirosi.

LE INFEZIONI A TRASMISSIONE SESSUALE.  "È essenziale ricordare i rischi infettivologici connessi a contatti sessuali occasionali - aggiunge il professor Francesco Castelli, Università degli Studi di Brescia e Consigliere Regionale SIMIT - sia con compagni di viaggio che con abitanti del luogo di destinazione. Le possibili infezioni sessuali sono svariate, dalle infezioni epatitiche alle infezioni veneree classiche (sifilide, gonorrea, herpes, etc.), fino addirittura alla infezione da HIV la cui prevalenza nei Paesi in via di sviluppo è certamente superiore rispetto ai Paesi occidentali”. “Non sono inoltre assolutamente da sottovalutare i rischi correlati alla viabilità ed alla pratica di attività sportive (es. immersione) e corre l’obbligo di ricordare come la mortalità nei viaggi internazionali sia più spesso legata ad incidenti della strada o a pratiche sportive”. Tali considerazioni, unitamente alla sempre più frequente abitudine al viaggio di soggetti di età avanzata – conclude Castelli -, consigliano la adozioni di polizze assicurative in grado di garantire assistenza sanitaria, ed eventualmente il rimpatrio, nel Paese di destinazione".

LINK
- Società Italiana Malattie Infettive e Tropicali (SIMIT)